Attività Archeologica italiana in Asia


Attività Archeologica italiana in Asia. Mostra dei risultati delle missioni archeologiche in Pakistan e in Afghanistan, 1956-1959, Torino, Poligrafiche Riunite, 1960, p. 70, tav. fuori testo 33 b/n e colore


Nel 1960 il Centro Ricerche Archeologiche e Scavi di Torino (allora ancora Centro Scavi e Ricerche Archeologiche dell' ls.M.E.O. e di Torino) organizzò una mostra didattica sugli scavi intrapresi tra Afghanistan e Pakistan, luoghi molto diversi fra loro ma accomunati da rapporti storici molto antichi, dalle migrazioni protostoriche ai grandi imperi di Parti e Sasanidi, all'Islam, nonché dalla presenza dell’Ellenismo successivo al passaggio di Alessandro Magno. Il catalogo Attività Archeologica Italiana in Asia, Mostra dei risultati delle Missioni in Pakistan ed in Afghanistan 1956-1959 (Torino-Roma 1960), redatto a cura di Giorgio Gullini con introduzione di Domenico Faccenna per Mingora, Umberto Scerrato e Dino Adamesteanu per l'Afghanistan, e schede descrittive redatte da: Giorgio Gullini (Udegram), Maurizio Taddei (Butkara), Umberto Scerrato (Ghazni e Gakatu), analizzò quindi i siti dell’Afghanistan e del Pakistan oggetto di tali ricerche, mettendo in luce, in tempi quantomai precoci, influssi, differenze e comunanze culturali tra Oriente e Occidente alla luce dell’Ellenismo.
La mostra è stato un primo esempio di “dialogo col pubblico”, legame che il Centro Ricerche Archeologiche e Scavi di Torino ha sempre cercato e voluto fortemente nella sua più che quarantennale attività. La prima attività archeologica svolta in Medio Oriente è stata inoltre proposta, con ampia esposizione di pezzi originali, nella successiva mostra L’Afghanistan dalla Preistoria all’Islam.